Gola del Bletterbach

Escursione del 24 Agosto 2016 – Percorso all’interno del canyon del Bletterbach alla base del Corno Bianco con partenza dal centro visite di Aldino (BZ)

Se siete in Trentino e volete un’alternativa all’ascensione, potete optare per una volta di “scendere”, magari in un canyon. Il parco del Bletterbach (http://www.bletterbach.info/it) è il posto giusto. Si tratta di una gola posta sotto il Corno Bianco. L’accesso è da Redagno o da Aldino (BZ). Noi abbiamo scelto Aldino. Siamo in vacanza in val di Fassa ma decidiamo di spostarci di qualche decina di chilometri per visitare questo luogo che ci ha attratti fin da subito visitando la pagina web del Geopark. Scendere nella gola è come fare un salto indietro di milioni di anni. Stratificazioni rocciose impressionanti e pareti con stupendi colori ci sovrastano. Nel torrentello che scorre sul fondo e che dobbiamo continuamente scavalcare, divertendoci non poco, si trovano bellissimi sassi, quarzi e minerali. Si scende dapprima grazie alle scale fisse in ferro fissate alle pareti del canyon, ci si arma di elmetto (obbligatorio e fornito presso il centro visite se non lo possedete già) e si percorre un buon tratto di gola vicino alle ripide e colorate pareti. A tratti sembra di stare nei più famosi canyon del nord America, con grandi pareti e striature di verde, rosso e arancio. Molto spettacolare e di sicuro impatto sui ragazzi. Non mancano cascatelle, sotto le quali si può anche passare per una rinfrescata… Per uscire dalla gola a fine percorso bisogna mettersi le gambe in spalla e affrontare una dura salita a gradoni artificiali, piuttosto sfiancante ma non lunga. Un’escursione che consiglio, soprattutto alle famiglie.

Il tracciato GPS lo trovate qui sulla pagina di Garmin-Connect.  Ecco un po’ di foto:

Annunci